Crea sito
Viajar descanta, ma chi parte mona torna mona

LaQueridaVozDeSevilla-Sur..Sur..Sur…

 

Venire a siviglia, anche se solo per pochi giorni per me, ha significato una tappa di una strana

cosa cominciata ormai quasi due anni fa. Questa citta’, con i suoi vicoli pieni di fiori, le sue case tinta pastello, i suoi tanti, tantissimi parchi, la sua gente disponibile, la terra rossa….e’

terra di sud.

sud come parola che descrive uno stato geografico ed uno stato filosofico: come se ci fosse , in me e forse in altre persone, una sottile linea che congiunge molti sud del mondo. molti , ma non tutti, almeno per me. non si spiegherebbe altrimenti l’emozione che mi ha scombussolato lo stomaco quando ho messo piede in aereporto e ho visto, nei campi alla periferia di siviglia la stessa terra rossa riarsa del sole di altri sud come il salento o napoli.

e allora forse esiste davvero questa linea che congiunge alcuni luoghi geografici visti e altri non ancora visti, ma ugualmente “sentiti” come parte di un unico sud. perche’ se e’ vero che in ognuno di questi ho sentito quella alchimia che li lega. altrimenti non si spiegherebbe perche’ ci siano dei luoghi che voglio assolutamente visistare e che sento come miei, in quanto parte di questa linea. non vedo altra spiegazione se non quella di intravedere, magari incosciamente questo legame che unisce l’andalusia al salento, napoli a siviglia, la sicilia a buenos aires, la puglia alla patagonia.

siviglia ha delle bellezze che si possono facilmente elencare, guardare e ammirare paesagisticamente, architettonicamente e artisticamente. quello che me’ difficile spiegare e’ quella conferma che mi ha dato dal primo giorno che sono arrivato: la conferma che il mio istinto non si sbagliava quando insisteva a farmi venire qua. perche’ qua avrei trovato un’altro pezzettino di me. un pezzettino che e’ estremamente difficile da spiegare a parole, perche’ un percorso che non ha punti fermi a cui aggrapparsi, ma come unico filo conduttore faticosamente riscontrabile in questo evanescente sud. che diventa prima di tutto condizione mentale ed emotiva prima che geografica. un filo che segue percorsi poco lineari e accostamenti inusuali. e che non so ancora dove mi portera’.

e se quella voce che tanto insistette per farmi venire qui, per dirmi che qui a siviglia avrei trovato un po’ di quel sud che tanto mi sembra chiamare in questo periodo della mia vita e che tante cose sta smuovendo in questi giorni…..questa voce…dicevo…come posso ignorarla…come posso far finta di niente quando mi sta imponendo di a proseguire nel dipanare questo filo che mi conduce verso la prossima meta.

Al Sur.

Similar posts

Follow girandoliere.org

Translation


Post di Viaggio

TravelPhoto Playlist




Forgot?
Register
2 visitors online now
1 guests, 1 bots, 0 members
Max visitors today: 4 at 06:16 am UTC
This month: 20 at 05-09-2018 02:29 am UTC
This year: 31 at 03-14-2018 04:09 pm UTC
All time: 298 at 09-20-2017 10:11 pm UTC