Crea sito
Viajar descanta, ma chi parte mona torna mona

Posts tagged palermo

2015-le statistiche del Blog del Girandoliere

2015: le statistiche del girandolerie

 

Care/i,

il 2015 per il girandoliere è stato un anno molto ricco di viaggi: infatti durante quest’anno ho caricato lo zaino di poche cose e sono partito spesso per andare a vedere con i miei occhi posti nuovi come la frizzante Bristol,  ho caricato gli borse e con la mia fidata bicicletta ho solcato il Danubio,  sono tornato nell’amatissimo Salento,  dopo tanto mancare sono tornato nella fiorita e ordinata Olanda, con in mezzo una capatina in Toscana, e un weekend enograstronomico a Palermo!

E dopo girovagare è giunto il momento di dare i numeri, anche per quest’anno del blog!

 

 

Palermo-il Mercato di Ballaro’

Palermo- Il Mercato di Ballaro’

Forse la grande e vera Casbah di Palermo: chiudete gli occhi e aprite le orecchie, perche sia l’udito a farvi da cicerone. Ballarò è il luogo dove trovare ogni genere di merce ( legale e non) e’ una bolgia di corpi e suoni, di cantilene dei venditori in mezzo alla calca, di banchetti improvvisati al lato di un marciapiede, del vociare della contrattazione tra clienti e venditori.
Trovano un loro ordine astrale I banchi del pesce, pigiati accanto a quelli dei pappagalli, giusto di fronte al paninaro con carne alla brace e a quello che vende sigarette di contrabbando.

(c)girandoliere.altervista.org

Ballarò, Palermo

In questo carnaio , a tratti indistinto e indistinguibile di uomini, donne e bestie fanno tenerezza i salamelecchi d’un barista che ti serve il caffe, la stoica indifferenza dell’avventore che fuma sotto il cartello di divieto di fumo, la stucchevole gentilezza del venditore di sigarette di contrabbando.
Ballaro sembra una specie di microstato indipedente nel cuore di Palermo: luogo di folklore, di sapori e odori forti ma anche dicase diroccate, di personaggi di dubbia moralità e di commerci illegali.

 

Licenza Creative Commons

Palermo- Magione e Vucciria

A lato della trafficatissima via Roma, in direzione del porto turistico, si snodano i quartieri di Magione e Vucciria.

Magione

Risalendo il quartiere dalla Cala, il porticciolo, ci si immerge gradatamente in un’altra dimensione spazio-social-temporale.Magione e’ un inestricabile andirivieni di stradine, nel pieno centro di Palermo, da vivere in apnea sensoriale, rispetto al mondo esterno.Il vociare cantilenato degli avventori che esce dai numerosi locali di via paternosto si mischia al cicalare stretto stretto delle comari che si affacciano dalle mille porticine dei vicoli. Il continuo susseguirsi di vicoletti in pave a volte sfocia e si apre negli spazi di Piazza Marina o Piazza Magione. Verso il tramonto diventano una bolgia dove uomini, motorini, macchine e cani trovano un ordine non comprendibile al visitatore, abbagliato da un apparente caos dantesco. Zona affollata di locali, vinerie, osterie, pub e focaccerie per ogni gusto e tasca.

 

scorcio di palermo

Quartiere Vucciria-Palermo

Vucciria

Il primo senso che viene allertato, quando si mette piede a Vucciria, e’ l’olfatto: l’odore intenso e forte di frattaglie bruciacchiate riempe l’aria quasi quanto il fumo acre e denso sprigionato dalle piastre dove cucinano la carne. Verace e profondo sud di case dalle pareti scrostate, venditori di strada, gruppi di giovani tiratardi che ciondolano nelle mille piazzette, garage adibiti a verdurai. Una casbah, Vucciria, umana multicolore autonoma che sembra vivere di vita propria….autogestita.

 

Licenza Creative Commons

Palermo-Viva santa rosalia!

FONTE: wikipedia.org

PALERMO

o per meglio dire Viva Santa Rosalia

Sono tre anni e mezzo che non vado in Sicilia ed un sacco di tempo che non scrivo questo blog solo in italiano.Per una serie di circostanze fortunate ero stato in Trinacria in un viaggio che è stata una sorta di terapia di gruppo da turbolenze sentimentali.

Dopo le spiagge dei caraibi è stato difficile fare i conti con il grigiore, umido e pesante, della Laguna di Venezia.La voglia di fuggire è aumentata di pari passo con la voglia di caldo, o quantomeno di temperato.

Quale occasione migliore….per il prossimo weekend?

Trovare due biglietti aerei per Palermo a prezzi vergognosamente bassi!FATTO

Comprali senza pensarci! FATTO 

Pensare ad arancini, nero d’avola, etna rosso, pane e panelle!

E infine, deliziato per  la lieta novella, mettere lo stereo a palla

Pachamama-Palermo, Capital Federal Buenos Aires

Passeggiando nel tardo pomeriggio, mi trovo ad iniziare a conoscere questo quartiere, nell’altra visita solo sfiorato…

E gironzolo…gironzolo…talmente tanto che mi dimentico persino di scattare foto. Mi immergo in questo quartiere con una strana sensazione di stupore. Quella sorpresa nel vedere Capital Federal cosi’ nuovamente diversa dal resto della citta’.

In questo autunno piovoso, Palermo ha un cappotto leggero dove si vanno a posare le foglie gialle che cadono dai molti alberi lungo i viali. D’aspetto curato, il quartiere borghese non si veste d’un liberty altoborghese come la vicina Recoleta. Esprime una sua quiete di viali, parchi e casette basse.

L’effetto e’ quello di una romantica decadenza nostalgica. Il che non dispiace gli occhi e i sensi del visitatore dal passo lento quale, ad esempio, sono io….

Follow girandoliere.org

Translation


Post di Viaggio

TravelPhoto Playlist




Forgot?
Register
6 visitors online now
0 guests, 6 bots, 0 members
Max visitors today: 15 at 02:08 am UTC
This month: 37 at 10-15-2019 11:35 pm UTC
This year: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC
All time: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC