Crea sito
Viajar descanta, ma chi parte mona torna mona

Posts tagged San pedro de atacama

Pachamama-San Pedro de Atacama

Un’altravolta in Chile…un’altra volta di passaggio per questo paese Lungo e stretto anche se questa volta e’ differente.

Per carita’ non sono mai entusiasta di passare per il caro e poco economico chile..

A volte i casi della vita, come in Peru’, riservano delle sorprese che non t’aspetti…ma ti cambiano la giornata. Cominciata con lapreoccupazione di come arrivare in Cile( e di come fare per i soldi) una volta arrivato…la giornata ha decisamente un’altra piega.

Riuscito a risolvere, grazie all’aiuto di Sebastian el conductor, il problema di come arrivare in Cile..ho finalmente preso una sgangherata corriera per San Pedro.
Qui comincia il viaggio, proprio duranteil noiosissimo e lunghissimo controllo frontaliero. Mentre sono in attesa di completare il tutto, attacco bottone con un ragazzo che si rivelera’di Barcellona ( sono recidivo..lo so).
Insomma..si comincia achiaccherare..da cosa nasce cosa, da chiacchera a chiacchera, dall’autobus si passa all’idea di mangiare insieme.
E’ qui nasce la voglia di discutere con passione con Vidal e Soledad( incinta di 4 mesi) dei rispettivi paesi, delle scelte, di latinoamerica. Dopo due ore e mezza di discussioni e di un benvenuto pieno di calore umano ci alziamo da tavola per darci appuntamento per la cena…

Pachamama- Uyuni…San Pedro de Atacama 3d/2n

Parte I- Cronache dal Salar

Tu che leggi i resoconti di miei viaggi vorresti che cercassi di descriverti l’accecante splendore che gia’ si vede da lontano.
Il lago salato( l’acqua e’ evaporata millenni fa) abbaglia d’un bianco infinito all’orizzonte..la visione acceca non solo per il riflesso del sole a questa altitudine molto vicino.

E’ il senso del senza limite che ti lascia una vaga inquietudine dell’essere sperso nelll’illimitatezza…la sensazionebti lascia basito e stordito…

Gli occhi si aprono nel vedere una distesa bianca di sale a perdita d’occhio..si rimpiccioliscono al riflesso del sole…sul Salar. Anche quando incorri nell’isola del pescado, che a dispetto del nome e’ un’ oasi di cactus millenari.

In quest’atmosfera rarefatta i pensieri si perdono..

 

Parte II-La Fata Morgana del Deserto
Non e’ come te lo aspetti…il paesaggio del desero della reserva eduardo alvara…

Il deserto, all’interno della riserva ha ben altro colore:il rosso vermiglio. Fatto di pietre, di cui molte sbriciolate, a formare una insidiosa serie di vallate rossastre e polvere ( il colore e’ dovuto all’azione millenaria dei minerali) oltre a decine di km di nulla che non sia pietrisco, l’unica variante la offre il lagomdi pietra. E’ eufemisticamente chiamato cosi’ una zona semicollinare in cui sipossono vedere enormi pietre a qualche decina di metri l’una dall’altra.
C’ e’ un solo suono qui…il silenzio e’ interrotto solo dal sibilare furente del vento.

La Fata Morgana del deserto

Follow girandoliere.org

Translation


Post di Viaggio

TravelPhoto Playlist




Forgot?
Register
14 visitors online now
0 guests, 14 bots, 0 members
Max visitors today: 15 at 06:39 am UTC
This month: 21 at 10-12-2019 10:37 am UTC
This year: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC
All time: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC