Crea sito
Viajar descanta, ma chi parte mona torna mona

Posts tagged Paesi Baschi

España- la fuga

Viernes…Ferragosto h. 9.20

Abbiamo lasciato donostia e la guizupkoa. Abbiamo lasciato i cieli grigi e cupi…le spiagge da allegra famigliola di san sebastian…e l’umidità che ormai ci stava entrando dentro.

Abbiamo cercato rifugio un po’ più lungo la costa dei paesi baschi.

Andiamo a bilbao ci siamo detti: ragazzi andiamo a vedere il guggenheim museum all’asciutto!!!

Ma evidentemente non avevamo compreso a pieno il messaggio del signore dei cieli basco che ci invitava ad andarcene e di corsa….

Capitati in uno strano campeggio…uno di quelli dove potresti incontrare scout in missione internazionale come la coppia di nonni in camper…o meglio ancora ragazzini brufolosi incollati ai videogiochi e simpatiche coppie italiane. Circostanza alquanto strana ( almeno per me) trovare due ragazzi molto simpatici anche loro impegnati nel girovagare la penisola iberica con la tenda…

ma poi è arrivato il temporale…già verso le 9 di sera ha cominciato a farsi sentire…e poi pioggia e poi grandine…e poi  ancora pioggia a secchiate. e ancora. e ancora….

e il vento che spezza ogni residua voglia di restare….eccola…la voce dell’oceano  che urla alla nostra tenda…. che si piega, si gonfia, si contorce e si deforma in posizioni innaturali. la tenda lotta, si aggrappa alla sua terra….ma non molla!!!

al mattino, stremata,  la nostra tenda riconosce una sola parola una sola direzione: Sur…al sur al sur….al sur ci ripetiamo…

alle sei del mattino…che albeggia…spettacolo devastante di  tende ferite e sottosopra…. smontiano in fretta, carichiamo la macchina. Mi volto verso la costa…verso il mare e vedo nuvole in avvicinamento.

Salendo in macchina,  prendo il  posto di guida, sussurro una sfida alle nuvole…vediamo chi arriva prima…se voi o io….

3h e 40 min dopo e 20° gradi celsius in più intravedo Valleca, barrio popular de Madrid…

España- 13.08

Pioggia….ancora pioggia….e freddo!

Le aspettative di trovare sole e caldo in questi paesi baschi si sta rivelando come il più stupido dei pregiudizi. La speranza di trovare un clima caldo in ogni parte della Spagna.  La zona ha sicuramente molte attrative, ma mi ha anche dato alcune delusioni di una certa importanza: se il paesaggio naturale ( sia costiero che delle montagne dell’interno) è qualcosa di meraviglioso, le città dei Paesi Baschi sono in disincrasia con il loro territorio.

La strada costiera e le montagne della Navarra mozzano il fiato per la loro imponenza, quasi compiacendosi di mostrare allo spettatore umano i molti volti di questa terra dura. C’è nell’aria, sorpratutto in questi paesini di pescatori, questa tempra particolare, questo essere orgogliosamente in sintonia con il paesaggio, con l’ambiente.

Arrivati a San Sebastian ( o Donostia) si ha invece un’impressione completamente diversa: si ha la sensazione di essere arrivati in una città strana. Questi lunghi boulevard sulla spiaggia, questo centro storico fatto di palazzi d’un bianco liberty, la miriade di casette tutte uguali…le danno quell’aria da stazione termale e marittima d’inizio novecento. Fuori dal centro, questa città di provincia (180.000 abitanti) ha tutti i difetti di una grande città: palazzoni molto grandi e molto grigi e quartieri-dormitorio. E’ qui che ho sentito più forte la disincrasia  tra gli elementi: il contrasto stridente tra la città nel suo insieme e l’ambiente intorno.

Mi aspettavo qualcosa di più anche da Pamplona, il capoluogo della Navarra! E invece sembra solo una tranquilla cittadina di provincia, con l’indubbia qualità di avere molto verde a disposizione dei suoi abitanti e con l’altrettanto indubbio motivo di interesse di quel rito barbaro che si celebra il giorno di San Firmin: l’Encierro (la corsa dei tori). Nel suo centro prettamente pedonale molto, se non tutto, ricorda che il motivo di essere lì sono i tori….anche le indicazioni stradali sembra mostrino solo la strada per arrivare all’ arena, il luogo dove si celebra il barbaro rito delle corride.

Ma non c’e’ solo un pizzico di delusione per le città sinora viste…è come se anche il clima meteoreologico ci spingesse via! La pioggia e il vento fanno emergere da dentro una consapevolezza di partenza…come se avvertissimo forte la sensazione che è ora di proseguire…via di qui.


España- Costa de Guizpukoa

h 13:30

una giornata uggiosa è l’ideale per avere un po’ di umore malinconico dopo l’euforia di ieri…la contentezza di esserci..di essermi immerso in questa carattere iberico della festa intesa come socialità tra le persone

Questa concezione della festa….dell’essere felici mi ha molto colpito…ha accentutato  il lato terronico di me…ero entrato nei colori vivaci della fiumane di genti sul lungomare…degli sguardi maliziosi delle chicas..dei percussionisti di strada.

ieri sera non era solo la sensazione di relax che una persona può provare appena arriva alla sua mete…la sensazione legata al sentirsi in ferie

no era qualcosa di diverso..era un sintonizzarsi sull’onda emotiva della città basca ( ma molto spagnola in questo!!)…era un sentirsi dentro l’energia della città pur essendo un estraneo. Questo sentirmi dentro…a pieno….immerso…

Costa de Guizpukoa

oggi è un’altra storia.

oggi è  la costiera…la carretera n634 donostia-bilbo…che frastagliamente si incunea tra le montagne discendenti…che concede uno sguardo schivo agli schiaffi dell’oceano…che si dispiega aspramente tra i ricchi boschi…dipinge un quadro diverso.

oggi l’onda ha scelto  il bianco delle onde  increspate…il verde dei pini..i colori spenti e grigi di un martedì di pioggia    e il mio umore si adegua

España- il destino ritorna…

España es una tierra donde hay pocas cosas, pero donde cada una parece estar de un modo sustantivo y eterno
J.L. Borges

Ho scritto 1 Agosto 2008, ma in realtà avrei dovuto scrivere agosto 2005, perchè quella era la data della partenza per il viaggio in Spagna. Un appuntamento con il viaggio ( o con il destino) rimandato di 3 anni: era tutto e tutti pronti per partire alla volta della penisola iberica, Catalunya in particolare. Ma qualche giorno prima della partenza qualcosa mi andò storto: un mezzo raffredore mi aveva indebolito, l’aria condizionata di un cazzo di centro commerciale fece il resto. Dopo una notte di febbre alta, il referto non lasciava dubbi: mi ero preso un focolaio di una polmonite! E nonostante le mie infinite resistenze fui costretto a rinunciare. Agosto 2008: il destino ritorna….

Follow girandoliere.org

Translation


Post di Viaggio

TravelPhoto Playlist




Forgot?
Register
12 visitors online now
0 guests, 12 bots, 0 members
Max visitors today: 15 at 06:39 am UTC
This month: 21 at 10-12-2019 10:37 am UTC
This year: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC
All time: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC