Crea sito
Viajar descanta, ma chi parte mona torna mona

Posts tagged cadiz

Dandalù-Vejer de la Frontera

scappo…di mattina presto da una Cadiz ingorda di turisti ….sorseggio un cafe’ solo di fretta ad un bar di vecchi del posto, attratti dal mio grande zaino. Scappo da una città su cui avevo aspettative migliori, non lo nego…

scappo in provincia…su una collinetta a metà strada tra Cadiz e la punta di Tarifa, scappo nel paesino di Vejer. Idea nata per caso, come spesso mi accade, si rivela molto azzeccata.

Appena arrivato cerco un hostal trovato chissà come in internet e non lo trovo…ma faccio subito l’esperienza con la candida gentilezza andalusa: mi fermo ad un tabacchino a chiedere dove è questo hostal….il tabaccaio si offre di accompagnarmi…tanto sono un centinaio di metri…e fatti 20 metri incrociamo il proprietario in un baretto la’ vicino…il viejo dueño mi prende in consegna e mi scorta fino in camera

Vejer…tutte queste casine bianche di calce che si arrampicano intorno alla collina a formare la città vecchia. Lascia la macchina, se ce l’hai,, giù ed esplora il labirinto di calles e scale, fatti guidate solo dalle svolte causali del tuo istinto, ascolta gli odori, affina i sensi, chiudi gli occhi e vai…

il piacere e la voglia di perdersi in questo ripido piccolo labirinto di saliscendi è parallelamente proporzionale alla gioia della riscoperta del piacere che ti assale, svoltando ad una curva…inciampi in un mirador con vista panoramica sulle colline circostanti.

Mi ci voleva proprio….antitodo migliore a tutte le paranoie e alle fatiche di una gola dolente e di uno zaino pesante…

qualcuno scrisse e cantò..per la stessa ragione del viaggio viaggiare….

ps: appena posso metto anche un po’ di foto….è che ho qualche problemino con internet….

Dandalù- Cadiz Capital

sottotitolo: la ultima que se va es la experanza…no es la barriga!!!

Cadiz ha una lunga storia ed un’alta considerazione di sé….

nacque come avamposto dei fenici, che costruirono su questo spuntone di roccia un loro primo insediamento e porto, Gadiz appunto. Si susseguirono Romani (Julia Augusta Gaditana, da cui ancor oggi sono chiamati gli abitanti), gli arabi poi ( Qadis) e infine, con la reconquista gli spagnoli. E finalmente la città ebbe pace e un nome duraturo: Cadiz.

Questa piccola excursio storica la devo a Javi, uno dei due cugini argentini che mi ha gentilmente ospitato ieri e che conoscendo la storia della città me l’ha raccontata!!!

Stamattina, dopo una giornata campale passata al cazzeggio e alla playa, ho cominciato a gironzolare per la parte più antica di questa cittadina che ha la forma di una lancia lunga e stretta che termina in un pugno ( la definizione è copyright di Giulia).

Mi sono concentrato, nella prima parte di mattinata, nella riva destra del casco historico, tra plaza Sevilla e Plaza de España, con una piccola ma significativa deviazione dalle parti della Cattedrale.

Armato di curiosità mi sono addentrato nei vicoletti della città vecchia, bella testimonianza della commistione di costruzioni di più epoche come ogni tanto capita nelle città di mare che si affacciano sulla vasca da bagno del Mediterraneo.

Il grazioso piccolo labirinto di vicoli sembra fatto apposta per dare la breve sensazione di perdersi…ma qui la mappa della città è abbastanza superflua….dopo due o tre incroci sbuchi immancabilmente su un paseo fronte mare!!!

Molta caruccia, sopratutto se fatta nell’orario prima di cena è la passeggiata sul lungo mare dalla parte opposto, dove si trova la playa preferita dai locali, la Cayeta.

Si gode di un ottima vista sulla cattedrale, con una suggestiva luce….magari accompagnata da una cervecita in riva all’oceano….

Follow girandoliere.org

Translation


Post di Viaggio

TravelPhoto Playlist




Forgot?
Register
3 visitors online now
0 guests, 3 bots, 0 members
Max visitors today: 10 at 10:37 am UTC
This month: 22 at 09-14-2020 05:05 pm UTC
This year: 32 at 05-31-2020 09:57 pm UTC
All time: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC