Crea sito
Viajar descanta, ma chi parte mona torna mona

Posts tagged bosnia i hercegovina

Vent’anni dopo-Ringraziamenti

 

Per i libri

Paolo rumiz, Ivo Andric, Mesa Selimovic, Luca Leone

 

Per idee, suggerimenti, dubbi, spunti

Elisa Elena, Sonia, Paolo Rumiz

 

Per chi sopporta le idee folli

Anna, Diego, Dario, Julia

 

Per avermi insegnato l’ospitalita’ balcanica( e avermi fatto innamorare della gente)

Katarina, Sabina e Petar, Ferida e Haris, Boris, Amela, Anel

 

Vent’anni dopo-Ringraziamenti

 

Per i libri

Paolo rumiz, Ivo Andric, Mesa Selimovic, Luca Leone

 

Per idee, suggerimenti, dubbi, spunti

Elisa Elena, Sonia, Paolo Rumiz

 

Per chi sopporta le idee folli

Anna, Diego, Dario, Julia

 

Per avermi insegnato l’ospitalita’ balcanica( e avermi fatto innamorare della gente)

Katarina, Sabina e Petar, Ferida e Haris, Boris, Amela, Anel

 

Vent’anni dopo-Ringraziamenti

 

Per i libri

Paolo rumiz, Ivo Andric, Mesa Selimovic, Luca Leone

 

Per idee, suggerimenti, dubbi, spunti

Elisa Elena, Sonia, Paolo Rumiz

 

Per chi sopporta le idee folli

Anna, Diego, Dario, Julia

 

Per avermi insegnato l’ospitalita’ balcanica( e avermi fatto innamorare della gente)

Katarina, Sabina e Petar, Ferida e Haris, Boris, Amela, Anel

 

Vent’anni dopo-Gli incroci possibili

 

 

 

 

 

 

Concedetemi un’ultima parola sulla bosnia, anzi  due: incroci e possibile.

 

Ho ascoltato, da persone diverse e in momenti diversi, una nostalgia non per il governo di Tito, quanto per un sistema che inglobava le differenze ripudiando le pulsioni nazional-religiose. Questa malinconia fa il pari con il lavarsi la coscienza delle responsabilita’ interne scaricando tutto sull’amministrazione Clinton e sull’Europa ( che pure ne hanno avute tante).

 

Riflettendo su quelle parole mi accorgo che non e’ nostalgia di un sistema comunista mitizzato ma della sua capacita’ pratica di tenere insieme tutte le turbolenze balcaniche. Ecco che polveriera, riferita ai balcani, e’ solo nella testa di quei politici( serbi, croati e bosnjak) che la usano come strumento di potere e di consorteria.

 

Il voler mantenere, nonostante abbiano subito ferite d’ogni genere, l’idea che la Bosnia e l’essere bosniaci siano uno Stato laicamente ancorato alla certezza che ci sia uno spazio comune per diverse confessioni, e’ il miglior insegnamento.

 

Non perche’ sia facile ma perche’ e’ possibile!!!

Vent’anni dopo-La Polveriera

Ora mi interessa fissare alcuni spunti che mi girano per la testa e che non mi danno tregua.

Balcani..montagne buone solo per agguati fa dire Paolo Rumiz al personaggio di un suo libro..e mi e’ venuta voglia di verificare, punto da cui partire in questo discorso complicato in direzione est.

A Fiume mi sono sentito dire che in fondo siamo mediterranei, figli dello stesso mare che avvicina le sue sponde costantemente da secoli..

 

A Jajce ho ascoltato le ragioni di chi cerca, quotidianamente e faticosamente di scrostare le scorie del pregiudizio nella testa di bambini indottrinati gia’ in tenera eta’. Ho condiviso l’ansia di chi mi racconta di tensioni crescenti in seno a queste valli di montagna, divisioni artificiali strumentalizzate ad arte da politicanti d’ogni parte.

Nel cantone di Zenica ho percepito la chiusura in se stessi di certi bosgnacchi, in una sorta di auto-difesa del proprio microcosmo personale come unica arma di resistenza. Ascoltando parole e discorsi che non trasmettono nemmeno piu’ la rabbia di cittadini abbandonati dallo stato, avvitandosi in un fatalismo da soppravvivenza spiccia.

 

Viaggiando verso nord, li’ dove comincia la pianura pannonica i problemi, mi dicono, riguardano sopratutto un’identita’nazionale. Il sentirsi bosgnacchi e’ il vero nodo centrale di tutta la questione:  imparare a riconoscersi come comunita’ eterogenea ma dotata di un sentire comune al di la’ delle differenze religiose usate da chi a interesse a dividere e speculare. Questo ascolto a Tuzla seduto in uno dei tanti caffe’ all’ europea del centro citta’ chiaccherando con Boris l’attore e i suoi amici parlando di bosnia prima e di italia poi. E mi gela il sangue quando con ostentata tranquillita’ cita Rumiz senza conoscerlo e mi dice:” vedrai, gianni, che ci arriverete anche voi! A disgregarvi e a dissorvevi in una guerra fratricida…lo sai che il prefisso telefonico della Jugoslavia e’ il +38?…e il +39 a quale stato appartiene?”

 

” la nostra difficolta’ nel capire la Bosnia nasce proprio dalle resistenze dell’Europa a discutere su sevstessa e a fare i conti con la propria storia.Noi rimuoviamo la Bosnia anche per la paura di doverci guardare in essa come in uno specchio.”

 

 

Follow girandoliere.org

Translation


Post di Viaggio

TravelPhoto Playlist




Forgot?
Register
4 visitors online now
0 guests, 4 bots, 0 members
Max visitors today: 15 at 02:08 am UTC
This month: 37 at 10-15-2019 11:35 pm UTC
This year: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC
All time: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC