Crea sito
Viajar descanta, ma chi parte mona torna mona

#Marche-Andar per Cantine

#Marche

#Andar per Cantine

Un omaggio, dovuto, ad un grande cantautore italiano, per creare la giusta atmosfera enoica per questa nuova rubrica del blog: andar per cantine.

Una rubrica, quella di andar per cantine, che è nata dalla mia passione per il viaggio e per la scoperta e dalla curiosità per l’affascinante mondo del vino. E che vorrei continuare, quando possibile, anche nei prossimi weekend o viaggi, per avere una visione se possibile ancora più ampia dei luoghi visitati. Le Marche sono una regione molto importante nel panorama vitivinicolo italiano, ragion per cui è interessante approfondire la conoscenza partendo dalla zona di Ancona e Jesi.

MANCINELLI VINI, OLEIFICIO E DISTILLERIA

* Verdicchio dei Castelli di Jesi Superiore ( 2016): Giallo Verdolino brillante, ottimi profumi di gelsomino, fiori bianchi e zagara. Buon Equilibrio e Ottima Struttura.  IN SEMPLICITA VERITAS


* Lacrima di Morro D’Alba Superiore (2015): Il profumo di viola invade subito il naso, seguito da confettura di piccola frutta rossa e cioccolato. Struttura da invecchiamento, armonico e rotondo e persistente.

L’AMBASCIATORE DI MORRO D’ALBA

* Stell, Passito di Verdicchio ( 2013): Verdicchio Passito prodotto solo nelle migliori annate. Un colore marsalato e ambra, profumi botrizzati e miele.

MEDITAZIONE CON CIOCCOLATO FONDENTE

LA STAFFA BIOLOGICO

*Verdicchio Classico Superiore (2016). Da Vigne di varie età. Esplode di agrumi, fiori bianchi e gelsomino al naso, persistente ed equilibrato in bocca. Produzione limitata. Se lo vendessero i francesi, questo “Verdiccheau”, te lo farebbero pagare 60€


*Rubinia, Igt Marche, 100%Montepulciano (2013). Rosso rubino impenetrabile. Dopo essere stato inebriato di confettura di amarena arriva lo speziato di pepe, cacao e vaniglia. Morbido, Elegante, Lunghissimo e ancora più speziato in bocca.

DOLCE SCOPERTA

VIGNAMATA

*Versiano Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico (2016): Ottimo equilibrio tra acidità, freschezza e profumi. Buona la struttura e l’equilibrio. ANDARE SUL SICURO


* Campaliano, Igt Marche, 80%Montepulciano 20&Sangiovese (2011): Un rosso scuro che brilla nella notte. Gentile nella sua potenza, speziato di pepe, tabacco e cioccolato amaro. Lungo e ampio in bocca. Il miglior rosso bevuto nelle Marche. Rapporto qualità prezzo imbarazzante. In una degustazione alla cieca surclasserebbe molti rossi più famosi. VINO DI STATURA SUPERIORE

*Incrocio Bruni 54, Igt Marche (2015) . Negli anni ’30 il prof. Bruni incrocia Verdicchio e Sauvignon Blanc. Ne esce fuori questo piccolo vino di nicchia, che unisce i profumi agrumati del Verdicchio e la mineralità del S.B. Fresco e beverino, ha un solo difetto: il produttore ha finito tutte le bottiglie.

 

SalentoMeStaPresciu-vino&cazzate

Vino&Cazzate

 

Negli ultimi anni il settore vitivinicolo salentino ha conosciuto una nuova fama, grazie all’eccellente lavoro in termini migliorativi di molti produttori. La ricerca della qualita’ e’ diventato il volano per riaffermare l’importanza di radici e territorio. Alcune cantine,tra le altre, hanno sviluppato questo concetto. E sono andato a trovarle.

 

Cantina Due Palme

#girandoliere #salento #wine #cantinaduepalme

La prima tra le cantine visitate e’ stata Due Palme, cooperativa da 10 milioni di bottiglie l’anno ed un esempio virtuoso di connubio  tra terroir, qualita’ e tecnologia.

Salice Salentino riseva 2010: complesso, spiccatamente speziato e  con gradevoli sentori balsamici. Dorato di una persistenza importantissima. Avvolge morbidamente il palato. Vino da amare.

Malvasia Nera 2015:fresco e delicato, con sentori di marasca e more. Morbido e avvolgente. Piacevole sorpresa.

 

CANTELE

Cantele è una bella azienda agricola e realtà produttiva in quel di Guagnano, piccolo paese all’interno della DOC  Salice Salentino. Particolarmente apprezzata la visita tra cantina e degustazione:siamo stati accolti da Alex e guidati da Federica nel percorso in un atmosfera conviviale che trasmetteva passione per il proprio lavoro. Li conoscevo da prima, ma ho aprofittato dell’occasione per degustare 3 vini che mi incuriosivano

Rohesia Brut Metodo Classico :spumante metodo classico da uve Negramaro. Ho trovato molto interessante l’idea di sfruttare la naturale acidità del negramaro. Ne risulta un vino fresco, con decisi sentori di panificazione, armonico e abbastanza equilibrato. Discreta la mineralità. Spero che Cantele ci creda e continui perchè ha margini di miglioramento.

Fanoi (2011): top di gamma secondo l’azienda, è un primitivo in purezza con lungo passaggio in legno a smussare gli angoli. Complesso nel fruttato ,con sentori di sottobosco e confettura di marasca, con un’avvolgenza esaltante. Tannini ancora da smussare completamente. Sulla strada della gloria!

Le Passanti(2014): il mio primo vino passito da uve Fiano lascia la bocca piacevolmente piena di frutta tropicale e pesca sciroppata. Abbastanza persistente e armonico, si presenta come una gradita scoperta.

 

Follow girandoliere.org

Translation


Post di Viaggio

TravelPhoto Playlist




Forgot?
Register
5 visitors online now
0 guests, 5 bots, 0 members
Max visitors today: 15 at 02:08 am UTC
This month: 37 at 10-15-2019 11:35 pm UTC
This year: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC
All time: 309 at 05-29-2019 06:53 pm UTC